Nostalgico e Malinconico


zucchero filatoOggi volevo andare a prendere con amici lo zucchero filato che per 2 pomeriggi ho gustato con altre persone, tutto contento obbligo i poveretti ad uscire e prendere il pullman, arrivati lì, a parte il parco vuoto rispetto ai giorni precedenti, (che mi dava proprio lo stato d’animo giusto per l’ultimo giorno di vacanza) il ragazzo che faceva l’amato zucchero non c’era, mancava sia il banchetto che lui. Al suo posto vuoto toale, neanche la giostra vicino si muoveva, ferma ed immobile.

Ho sentito una nostalgia ed una malinconia per i 2 giorni trascorsi, una sensazione che mi invadeva e che ancora adesso, nonostante siano passate 2 ore, mi porto dietro.

homer simpsons

Era da tanto che non sentivo una sensazione così forte, così viva. Che però fa rallentare il cuore e trattenere a stento le lacrime. Forse un anno.

Ero piccolo. Si ero troppo piccolo, ma ricordo, ricordo bene la prima volta che provai un emozione, che il mio cuore soffrì la prima volta. Era settembre, quel cazzo di inizio settembre che ho odiato per giorni interi. Sono le 20.28 del 25 Marzo, ma io con la testa e col cuore sono a settembre del 1996 o 1997 quando sui gradini del giardino giocavo con mia cugina coi soldatini e il fortino nuovo del Natale scorso, sentivo le giornate così vuote e poi un bel giorno è arrivata lei che ha reso quel paio d’ore così piene, poi se n’è andata velocemente com’è arrivata, sapevo già che le mie giornate sarebbero ritornate vuote e così furono. Cosa mi mancava già a quell’età? Cosa volevo e cosa cercavo?

In verità la prima volta che ricordo di aver provato un emozione fu quando la mia vicina di casa fece una festa e non mi calcolava o meglio io non volevo fare amicizia coi suoi amici, avevo circa 4 anni e lei 17-18, solo gelosia, ma nel caso di settembre ci furono delle ripercussioni nei giorni successivi da non credere.

E ripensandoci a Settembre frequentavo un altro cugino che vedevo pochissimo e con cui si era instaurato un rapporto bellissimo, ma anche lui dovette partire, stessa sensazione, stessa voragine nello stomaco. Quando lo sentii allo telefono, piansi.

treno

Da li in poi odiai le partenze, tutte le partenze, vorrei allungare quel momento fino all’infinito. Odio vedere una casa che prima era piena, viva, profumava di parenti o amici poi vuota. Mi commuovo sempre. Perchè sono così emotivo? Così malinconico e di conseguenza nostalgico di quei momenti veloci passati bene.

E adesso mi chiedo, perché cosi tanta nostalgia dei giorni scorsi? Cosa ho vissuto che mi mancava? Così tanta malinconia nel cuore che non riesco a cancellare seppur le cose sembrano ritornate Ok, o meglio sembro cambiato io? A parte che psicologicamente l’ultimo giorno di vacanza, un po’ come la domenica prima del lunedì non è mai un gran giorno, ma c’è qualcosa di profondo. E’ una confessione che non posso scrivere qui, dire a qualcuno che sarebbe geloso, l’ho detto solo ad una persona.

Annunci

2 commenti su “Nostalgico e Malinconico

  1. questo post è veramente bellissimo!
    devo dire che le emozioni che hai provato sono simile alle mie!
    la nostalgia, è pazzesca..è prevedibilmente opprimente!!
    complimenti…
    p.s. anche io odio partire…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...