Il cielo scuro nella sera chiara


dalle porte della notte, il giorno si bloccherà
(La donna cannone di Francesco De Gregori)

Tac. Una porta si chiude e la seconda la segue, di conseguenza il suono è doppio. Tac. Sensazione usuale, avverto un senso di corrispondenza, già conosciuto quando, qualche ora passata in modo piacevole si avvia al termine, come in questo momento. Il cielo scuro nella sera chiara, fa vedere due persone qualsiasi voltarsi nel silenzio delle ultime parole. Le stesse parole che profumano di carne alla griglia e di vita. Malinconico è il brivido di un arrivederci, quando una sera nuvolosa ricorda le proprie giornate, quando quelle ultime parole sembrano il confine della propria libertà in una qualsiasi sera d’estate, che vorrei non finisse mai. Mi fermo a sognare sul marciapiede di casa mia per allungare il tempo che scorre, mentre, silenzioso e sicuro di sé,  il lampione mi fa compagnia. Mi alzo, lui non ha una vita da vivere.

Annunci

Un commento su “Il cielo scuro nella sera chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...