Bacio


nel tenue ricordo di una pioggia d’argento
il senso spietato di un non ritorno

Mi ricordo armonia, guardo un desiderio prima cercato e poi vissuto. Non ho potuto frenare il mio sorriso, non ho potuto lasciarti andare via. Sembrava che mi conoscessi da sempre, con un solo gesto senza rimpianti mi hai svegliato da una giornata piena di abitudine e senza passione. Profondo e aperto com’ero con te, è stato il nostro bacio.

Dopo quel gesto la mia giornata è continuata senza di te, ma la forza che avevamo creato mi è stata vicina durante le ore successive. Cosa siamo senza passione? Quanto è importante nella nostra vita la passione nelle piccole cose per non cadere nella noiosa abitudine?

Donne

A Elisa

Ho visto tanti sguardi che volevano del semplice coinvolgimento, sognavano un mondo a colori da esplorare. Un mondo dove le donne più razionali e calme potessero illuminarsi al brillare di una stella, le più emotive e impulsive restare spaesate a guardarla, assorte nel silenzio. Accompagnate da qualcuno per cui ne valesse la pena essere sé stesse.

Show me a smile then. Don’t be unhappy. (True Colors di Cindy Lauper)

Il mistero che c’è dietro ad ogni legame, è qualcosa di fondamentale. La bellezza dl guardarsi negli occhi e capire che qualcosa ci lega tutti, è il mistero da esplorare. Un mistero a colori.

Come trattiamo le donne accanto a noi?

Delicatezza

Coincidenza. Questa mattina alla radio, è passata la canzone che ho riportato ieri sul Blog: Rimmel di De Gregori. Ho preso Paola per mano e correndo in mezzo a clienti, sedie e tavolini l’ho portata vicino allo stereo, facendole ascoltare con calma quelle parole così vere, in un modo così normale che sembravamo conoscerci da anni.

La mattinata si è conclusa con un caffè insieme a Bianca con cui è sempre bello aver un confronto sulle cose che ci capitano. Al tavolino con vista Corso Vittorio sembrava come se il tempo si fosse fermato per un po’, a causa delle nuvole che tengono lontana Torino dal sole e dalle belle giornate di Marzo, che illuminano i problemi che ci sono. E’ fantastico.

Sono proprio un Gemelli, amo il sole che arde in mezzo al cielo, ma quando sto bene riesco a godermi anche le nuvole che ovattano dalla  forza e dalla grinta del sole.

Sarà che in questo momento cerco delicatezza e non energia?

Il ritmo spagnolo

Hoy di Gloria Estefan

Il ritmo all’inizio leggermente malinconico e poi sono presenti un susseguirsi di cambi di scena musicale che rendono questa canzone spagnola molto piacevole e gradevole.

Mi ha colpito una frase:

“Ho una frase sospesa
tra la mia bocca ed il mio cuscino”

tutta la traduzione della canzone

You’re Beautiful

https://i1.wp.com/farm1.static.flickr.com/97/233769489_a0a7a67452.jpg


Sei bella. Sei bella.
Sei bella, è vero.
Ho visto la tua faccia in un posto affollato,
E non so cosa fare,
perchè non starò mai con te.
Sei bella. Sei bella.
Sei bella, è vero.
Ci doveva essere un angelo con un sorriso sulla sua faccia,
Quando pensò che dovrei stare con te.
Ma è tempo di affrontare la verità,
Non starò mai con te.

Pezzo tradotto di You’re Beautiful di James Blunt

Dolce, dolce e ancora dolce…eppure senza troppi drammi a cui siamo abituati nelle canzoni italiane, e come se dicesse “morto un papa se ne fa un altro“, però quel papa cazzo come ci piaceva, come ci ha reso felice per quell’istante, ma la realtà non sappiamo mai dove ci porta ed è ora di affrontare la realtà e di non subirla.

Lampo di Vita

Vi avevo già citato un pezzo di questa canzone, ma se la volete ascoltare, ecco qui il video:
Una canzone dolce e malinconica, proprio nello stile di Luca Carboni

chissà se tu sei cambiata
chissà dove sei finita
in questo lampo di vita
chissà se sei stata amata

chissà se quella ferita
chissà se poi è guarita

in questo lampo di vita
chissà se ti sei salvata

Lampo di Vita di Luca Carboni

Come al solito, testi che rappresentano la realtà giovanile. Credo di avere un debole per questo artista che trovo molto veritiero e profondo per noi giovani.

Vivere

Tante canzoni sono dedicate alla vita, ma tutte la lodano, anzi esaltano i momenti “no”…per farci capire quanto spesso siano importanti e parte della vita, ci raccontano come i cantanti gli hanno sorpassati o gli vivano e riescano a farsene una ragione o semplicemente a trasmetterci speranza e un solo messaggio: vivere è bello

Com’è Straordinaria La Vita di Dolcenera

Com’è straordinaria la vita,
com’è, che ti fa credere, amare, gridare
Com’è straordinaria la vita,
che un giorno ti senti come in un sogno
e poi ti ritrovi all’inferno.
Com’è straordinaria la vita,
che non si ferma mai,si, non si ferma mai.

Ma che film la vita dei Nomadi

Ma che film la vita tutta una tirata
storia infinita a ritmo serrato
da stare senza fiato.
Ma che film la vita tutta una sorpresa
attore, spettatore tra gioia e dolore
tra il buio ed il colore.

Che fantastica storia la vita di Antonello Venditti

Che fantastica storia è la vita.
Che fantastica storia è la vita.
E quando pensi che sia finita,
è proprio allora che comincia la salita.
Che fantastica storia è la vita.

La vita è adesso di Claudio Baglioni

ed in qualunque sera ti troverai
non ti buttare via
e non lasciare andare un giorno
per ritrovar te stesso
figli di un cielo così bello
perché la vita è adesso
è adesso
è adesso

Vivere di Vasco Rossi

VIVERE
e sperare di star meglio
VIVERE VIVERE
e non essere mai contento
VIVERE VIVERE
e restare sempre al vento a
VIVERE…..e sorridere dei guai
proprio (così) come non hai fatto mai
e pensare che domani sarà sempre meglio!!!!!

 

Vivere di Andrea Bocelli

Vivere, nessuno mai ce l’ha insegnato,
Vivere fotocopiandoci il passato,
Vivere anche se non l’ho chiesto io di vivere,
Come una canzone che nessuno canterà?

Sensazioni e tranquillità

Continuo col proporvi forse la canzone più bella usata dalla Swatch nei suoi spots.Quindi alzate il volume, chiudete gli occhi, tenete qualcosa di caro in mano (io tengo la mia mano) e il resto verrà da se…

Breathe dei Midgeure

Sensazioni uniche, ovvimanete se le state provando in questo periodo.

Personalmente sono scoppiato a ridere dalla gioia davanti ad un monitor da 20* pollici.

E per rilassrvi dopo:

What’s Up dei Four Non Blonds 

Tranquilla e dolce. A voi non piace star tranquilli? A me un sacco.

Le altre canzoni da me consigliate le trovate qui

Fiori per se stessi

Ma adesso che si fa
fiori fiori fiori
Finchè tu cerchi una ragione
per tutto quello che fai
sbagli stagione
E ma se tu mischi un odore
allora si che vedrai
i fiori ballarePero’ l’eccesso come a tutti un pò ti attira
Guarda che è importante anche non prendere la mira
Gli istinti veri sono fondamentali
Ma tu non ti abbandoni e..

Fiori di Povia

Allegra e molto simpatica, per me prende un significato particolare…in questo periodo di cambiamenti.

In queste ultime 2 settimane (o 3?) ho preso razionalità nelle cose che facevo, mi chiedevo..è giusto o no? Di sicuro ho scelto cose che preferivo piuttosto di far cose perchè mi sentivo in dovere verso certe persone o situazioni magari non giuste…e pian piano tutto diventava automatico…sapevo cosa fare e ho raggiunto un pizzico di serenità che mi mancava…più che altro di naturalezza

Questo cambiamento mi portava a fare dei ragionamenti e dei pensieri sul mio modo di fare e di vivere, mi sono sentito piccolo piccolo in un grande mondo, non capivo perché facevo le cose e come dovevano essere fatte…ma poi ci sono arrivato…non importa nulla…l’importante è stare bene con se stessi, l’importante è: essere se stessi.

Fregare il dolore?

…e che voglia di stare ad ascoltare e conoscere tutte le cose,
ma i professori non insegnano niente bisogna sempre fare da soli
volevamo imparare a fregare il dolore
essere felici imparare l’amore

Lampo di Vita di Luca Carboni

Peccato che la canzone in alcuni punti sia un po’ lenta…nel genere di Carboni insomma…bellissima la frase:

volevamo imparare a fregare il dolore

Ma il dolore si frega? Si elimina? Ci si convive o lo si sopporta grazie alle cose belle?

Credo che il dolore ci sarà sempre.

Canzoni allegre in un paradiso triste

Rallegratevi!!! Perchè è vero che Luca Carboni dice che le canzoni tristi ci piacciono…ma non esageriamo. Poi da qualche anno a questa parte, o ci sono canzoni tristi oppure delle schifezze uniche. Invece negli anni 90 le canzoni allegre erano molto più carine…ma questo è il tempo degli Zero Assoluto o degli Studio 3…e delle ragazzine sotto shock 😀


e nascono canzoni tristi che un po’ ci piacciono senza un perché
esplodono canzoni tristi che un po’ ci scaldano senza un perché
si suonano canzoni tristi che un po’ ci fan cantare e ridere senza un perché

La Band si sciolgono di Luca Carboni

Vi consiglio:

Bice e C’è che ti piace

entrambre di Stefano Zarfati

https://i1.wp.com/www.informusic.it/old/SremoZarfati_Stefanopic.JPG

Stefano Zarfati è un cantautore di talento con una voce profonda e intensa. Compone anche per altri interpreti, come la canzone “Tu sei” cantata da Ambra.

Il suo Pop vivace di sicuro vi piacerà!

Fingere che sei un’amica? Troppo presto.

Cercarti e non ci sei
Sognarti e non dovrei
Telefonarti o no, Aspetto ancora un po’
Non sto cedendo ancora, ho un debole per te
Mi sto chiedendo ora, se questo è vivere
Se questo è vivere
Se questo è vivere, io muoio per te ancora.Io vorrei non chiedere di te
a quella gente che tu sai
fingere che non esisti più
o fingere che sei un amica in più
E poi scoprire ancora
che ho un debole per te
Per domandarmi ora
sempre più spesso, mai come adesso, se questo è vivere
Se questo è vivere
Se questo è vivere, io muoio per te ancora.E adesso che lo sai
che piango, che altro puoi
Tu forse pensi che son troppo fragile,
me lo dicevi dai, col tempo passerà, ma il tempo si è fermato a quello insieme a te
é ancora presto per dirlo adessoSe questo è vivere
Se questo è vivere
Se questo è vivere, io muoio per te ancora.Se questo è vivere, io muoio per te ancora.

Se questo è vivere di Gatto Panceri

Eheh non esistono parole più appropriate, una canzone moderata e veritiera nel mio caso, prima di questa canzone ero fermo a “Maledetta Amica Mia” di Masini

Sapessi quanta musica che c’è
Dentro questa voglia che mi soffoca
Ma con indifferenza mi allontano un po’ da te

Scemo si ma non ruffiano
Sapessi com’è bello stare qua
Visto dalla logica di chi non può
Già tenere le distanze dalla tua sincerità
Dalle tue vittorie e dai tuoi guai
Perché voglio liberarmi
Dall’idea che non mi vuoi

E mi tuffo nell’immenso
Della mia banalità
E va bene anche se ho perso
E chi ha vinto non si sa
E ora strappo le radici
Di un’assurda gelosia
Perché è chiaro che mi piaci
Maledetta amica mia
Che non ti accorgi di me… di me…

Sapessi come suda la città
(E fra mezz’ora è lunedì)
Si spoglia e si riveste di abitudini
Ma dentro a questo equivoco la tua fragilità
E’ una doccia fredda su di noi
E la solita bugia
Aggredisce ancora gli occhi miei
Che non vedono attraverso
Questa nuvola che va
Dietro ai soldi e dietro al sesso
Come la pubblicità
E risalgo le pendici
Di ogni nostra geometria
Perché è chiaro che mi piaci
Maledetta amica…
Che mi porti al limite
E mi fai spendere
Ma inutilmente
Tutta la vita così

Che mi fai promettere
Quello che non ti hanno dato mai.. ma si!
Prima o poi è così che mi fai…
E ora accendi quelle luci
Metti in moto e andiamo via
Nonostante che mi piaci
Maledetta amica mia
Che non ti accorgi di me, di me
Sapessi quanto amore amore c’è
In quest’amicizia che mi soffoca.

Maledetta amica mia di Masimi

Malinconia

“La malinconia è un sentimento simile alla tristezza, che spesso si ripresenta dopo una visione “nostalgica” di qualcosa. La malinconia è una sorta di tristezza di fondo, quasi non consapevole.

Una persona malinconica è spesso romantica, o d’ideali romantici.” (wikipedia.org)La definizione che preferisco è: « La malinconia è la gioia di sentirsi tristi » (Victor Hugo)

Cioè la malinconia mi fa pensare a cose lontane, momenti trascorsi in certi modi che mi fanno riflettere e dire a me stesso “che bello…” oppure “che situazione…”Mi sento uno strano mal di stomaco…e una sensazione satura di sentimenti…

la malinconia si balla come un lento la puoi stringere in silenzioe sentire tutto dentro

Malinconia, Luca Carboni

Barche in mezzo al mare

Ci vuole un fisico bestiale
perché siam barche in mezzo al mare.

Ci vuole un fisico bestiale di Luca Carboni

Immagino che milioni di persone, abbiano ragionato sulla metafora citata sopra, gente più intelligente di me e probabilmente anche con problemi più seri dei miei, una volta scrissi su un bigliettino “la vita è piena di alti e bassi, basta sorridere sempre”, quando tutto sembra tranquillo, quando la nave si trove in un distesa d’acqua calma e quieta, ecco di colpo la tempesta…il caso, la fatalità o forse se l’è cercata la barca?

L’anno scorso non è stato proprio il top, in meno di 10 mesi, ho cambiato opinioni, amici e tante piccole cose, il 90% dell’anno l’ho passato con un magone, quasi nessuno se ne accorgeva, neanche il mio pseudo migliore amico, perchè forse fingevo, o perchè magari a nessuno gliene fotteva qualcosa, ma ho scoperto una cosa…la vita è fatta di alti e bassi ma in questi periodi dobbiamo stare anche vicino a qualcuno…anche solo in alcuni momenti dove magari neanche per l’anticamera del cervello ci passa l’idea di fare un sorriso…qualcuno che tenga a noi, se non è un amico, ci sono (almeno nel mio caso) i genitori, cazzo dei rompiballe assurdi, ma non credo che anche il nostro super AMICO DEL CUORE ci voglia cosi bene.

Barche in mezzo al mare, mi sento una barca anche perchè cambio spesso idee, ogni tanto in bene, spesso cado in cose stupide…ma le barche non sono perfette.