La coerenza e le scappatoie

La coerenza non prevede scappatoie, non prevede eccezioni.

E soprattutto non prevede Blog dove si scrive senza ragionare veramente, spinti solo dal proprio ego.

E’ per questo che ho chiuso nonhoparole, che doveva essere il blog contrario a questo (dove al contario di questo, non si riflette parecchio), ovvero solo una montagna di insulti spinti da qualcosa di più profondo sotto. Insomma se scrivo una cosa su questo blog, non posso scrivere il contrario sull’altro, perlomeno non sarei coerente con i temi che tratto.

Esempio? La buona fede delle persone su questo e poi sull’altro criticare gli animatori che facevano poco (almeno ai miei occhi)…credo che non funzioni cosi, e io non voglio essere cosi.

Come voglio essere? Contento di quello che mi gira attorno…e poi? Bhe leggetvi gli articoli sotto 😛

Coerenza e Ignavi

caronte

Uno può essere nel giusto o nel torto, se non lo si sa ancora, l’importante è essere da una parte e anche non essere chiusi.

Motivare le proprie idee, essere pronti al dialogo e se si sbaglia cambiare…ma restare coerenti. Solo con la coerenza si capiscono le cose, perchè si rimani stabili e se si commettono errori ovviamente ci si rende conto delle cose, giuste o sbagliate che siano, cercando di non cambiare bandiera ogni volta.

Se uno è coerente: fa determinate azioni sempre nella stessa maniera e verso tutti, prima o poi si verificherà che quelle azioni potevano essere sbagliate e si possono corregere, ma se uno è un voltabandiera e non è coerente come fa a capirlo? Come si fa a cambiare se uno non sa nemmeno com’è? Ecco forse cosa vuol dire il “non conoscersi”

Non bisogna sempre lavarsene le mani…c’è già troppa gente che lo fa…se avete un opionione motivatela e credeteci e forse troverete voi stessi.

p.s: odio i voltabandiera, chi cambia sempre le carte per quieto vivere, per essere passivi, per paura.